Associazione Progetto Comune

Associazione culturale politica

In Grecia c’è chi non usa più l’Euro

Domenica 15 Aprile 2012 21:44

La Banca del tempo è un'iniziativa che ha lo scopo di creare una rete di scambi di tempo e servizi tra i cittadini che vi partecipano. E' un'idea che vuole modificare il concetto di tempo e denaro a favore dell'idea di solidarietà.

Questo articolo è perfetto per spiegare con semplicità un importante concetto: si può evitare l’uso dell’euro ed il ricatto del debito che esso genera senza aspettare che siano le istituzioni a organizzare la cosa, perché spontaneamente esse non lo faranno mai.
Ma la gente comune, che per vivere ha la necessità di scambiare beni e servizi materiali, può organizzarsi creando valute parallele con le quali strutturare una forma moderna e telematica di baratto. E tutto pare funzionare alla perfezione.

Mark Lowen | BBC News, Volos - 11 aprile 2012

fonte: http://www.bbc.co.uk/news/world-europe-17680904

Mentre la Grecia si interroga se uscire dall’euro, una città, Volos, ha costituito una valuta alternativa locale.
Pochi mesi fa, una moneta alternativa è stata introdotta nella città portuale greca di Volos. E ‘stata una iniziativa nata dal basso che da allora è cresciuta in una rete di oltre 800 soci, in una comunità che lotta per sopravvivere alla crisi finanziaria causata anche dall’Euro.
La bancarella di artigianato al mercato centrale di Volos si trova alla fine, subito dopo le marmellate fatte in casa. Dopo aver accuratamente visionato quello che c’è in offerta, Hara Soldatou ha scelto una serie di candele decorate, felice del suo acquisto. “Si mi è costato 24 TEM, che ho messo assieme offrendo lezioni di yoga,” dice.
Ovunque si vaga per la zona del mercato, una cosa che non sarà necessario avere in tasca è il denaro. Dai gioielli ai prodotti alimentari, dalle parti elettriche ai vestiti, tutto qui è in vendita con una valuta alternativa locale, chiamata TEM.
Funziona come un sistema di scambio. Se si dispone di beni o servizi da offrire, si guadagna credito, con un euro pari a un TEM. È quindi possibile utilizzare i “risparmi” per comprare qualsiasi cosa viene offerto attraverso la rete, portando ad alcuni scambi di beni piuttosto originali.
Tutto ricorda un antico sistema di baratto, che ritorna nella Grecia di oggi.
“Posso avere corsi di lingua e lezioni di computer in cambio”, dice Stavros Ntentos dalla sua bancarella dove vende biancheria intima per bambini.
“E' una buona idea perché abbiamo bisogno di far capire alla gente che tutti possiamo comprare e vendere qualcosa, non abbiamo solo bisogno di euro”.
“Abbiamo toccato il fondo della nostra vita e ora dobbiamo pensare in modo diverso”, dice Tasos, una fruttivendola.

Valute co-esistenti
L’intero sistema è organizzato online, con i membri titolari di conti TEM, che vengono addebitati ad ogni transazione virtuale.
Il fondatore, Yiannis Grigoriou, si trova accanto al computer “banca” al mercato, a sorvegliare le procedure di scambio.
“E ‘interessante perché la gente qui ritrova la speranza. Si trovano cose da scambiare“, dice.
Quindi il TEM potrebbe diventare la valuta dominante in Volos?
“Io non lo so”, dice, ridacchiando. “Staremo a vedere.”
Uscire dalla zona euro è stato uno scenario spesso discusso negli ultimi mesi, da quando la Grecia è sprofondata nella peggiore recessione della sua storia moderna. E mentre alcuni nel paese vedono il TEM come una vera alternativa – “l’euro è una cosa del passato”, ha spiegato un negoziante – ad altri sembra invece più un ripiego che un valido sostituto.
Il sindaco di Volos, Panos Skotiniotis insiste: l’euro non è messo in pericolo dal TEM.
Sostiene il progetto, ma dice che le due valute possono coesistere.
“Noi sosteniamo l’iniziativa perché è un ottimo modo per uscire dalla profonda crisi economica e sociale”, dice.
“E ‘un’iniziativa che integra l’euro, ma non sostituisce l’euro. La Grecia è nella zona euro, noi vogliamo rimanere nella zona euro, pensiamo dobbiamo rimanere nell’euro “.

Un nuovo inizio?
Ma la rete della moneta alternativa si sta diffondendo in tutta la comunità, con sempre più aziende che oggi dipende da essa.
In una locale cooperativa di floricoltura in cui operano persone con disabilità cognitive, i lavoratori utilizzano TEM per vendere i loro impianti in cambio di altri servizi che diversamente faticherebbero a permettersi. E il pubblico è accorso per sostenere la floricoltura, tagliare l’erba o riparare una staccionata in cambio delle piante offerte in cambio.
“Siamo in grado di comprare pane o carne in cambio dei nostri prodotti, o per esempio le ragazze possono andare dal parrucchiere”, dice Peri Mantzafleri, che gestisce la cooperativa.
“Sono cresciuto in un villaggio –  abituato a lavorare come si faceva ai vecchi tempi, prima di essere coinvolto dall’uso del denaro. Quindi il TEM potrebbe essere un occasione per ricominciare. “
E anche la prossima generazione sta beneficiando.
Nel municipio locale, i bambini partecipano a laboratori ricreativi – un misto di giochi, canti e attività di disegno. I genitori che stanno faticando affinché i figli riescano a frequentare i laboratori,  possono pagare in parte attraverso il TEM, utilizzando le due valute in modo intercambiabile.

Vedere le cose in modo ‘diverso’
Charalampos Bardas, il coordinatore dei gruppi di lavoro, dice che la valuta locale è inestimabile.
“E ‘una grande soluzione contro questa crisi. La vita va avanti, dobbiamo lottare “, dice.
“Dobbiamo vedere le cose in modo diverso ora. Non è la fine del mondo se abbiamo questa crisi. Vogliamo avere successo e andare avanti “.
E così questa piccola comunità ha sviluppato un nuovo strumento per combattere la peggiore crisi finanziaria che molti abbiano mai conosciuto. L’euro non può essere costretto ad uscire qui, ma Volos ha trovato il modo di far fronte con mezzi alternativi. Un sistema semplice di baratto, lo scambio dalla disperazione alla speranza.

 

 

Cerca nel sito

Copyright © 2011-2018 - Progettocomune.info
Associazione Progetto Comune è rilasciato sotto Licenza Creative Commons: Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License
Questo sito non costituisce una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.