Associazione Progetto Comune

Associazione culturale politica

Il piedibus di Villacidro è realtà

Scritto da Ass.ne Progetto Comune   
Mercoledì 21 Marzo 2012 21:57

Cronaca dell'inaugurazione e considerazioni sul progetto Piedibus di Villacidro.

Il 21 marzo, il giorno tanto atteso per l’inaugurazione del progetto Piedibus è finalmente arrivato.
Alle 8.00 in punto, nelle tre linee, (la verde, la blu e arancione), uno dopo l’altro sono arrivati, eccitatissimi, i bambini con indosso la loro pettorina gialla, tutti accompagnati dai genitori. Ad attenderli non solo l’autista e il controllore responsabili della linea, ma anche tanti genitori, nonni e cittadini che semplicemente hanno voluto partecipare a questa grande festa.

 

Al capolinea della linea Blu sono arrivati come accompagnatori d’onore, anche i bambini della classe 3 A di via Tirso, tra i primi collaboratori al progetto,che già in fase di preparazione hanno fornito il loro notevole contributo artistico.

 

All’orario di partenza previsto i tre serpentoni si sono messi in marcia guidati dai percussionisti della Banda Musicale Santa Cecilia, che a tempo di rullante annunciavano il passaggio dei bambini.
Alle 8.25, le tre linee sono arrivate contemporaneamente davanti alla scuola di via Farina, dove ad attenderli con un grande applauso, oltre alla Dirigente del Circolo Didattico Giuliana Orrù, a tutto il personale scolastico, al rappresentante della ASL6 dott. Tore Chia e ad alcuni rappresentanti dell’Amministrazione Comunale, erano presenti tutti coloro che hanno condiviso, promosso e supportato a vario titolo il progetto.
La cerimonia è culminata con il discorso di augurio della Dirigente, il taglio del nastro e il volo dei palloncini recitanti “è nato Piedibus”.

 

Uno sguardo al progetto
Per chi non lo sapesse il Piedibus è il modo più sicuro, ecologico, divertente, gratuito e salutare per andare a scuola. Il progetto ha tra i suoi scopi quello di coinvolgere i bambini educandoli alla mobilità sostenibile, intervenire sulle abitudini delle famiglie per ridurre il numero di genitori che giornalmente accompagnano in auto i figli a scuola e proporre un sano esercizio fisico che contrasta la sempre più preoccupante tendenza all’obesità.
Per il raggiungimento degli obiettivi il Piedibus prevede il coinvolgimento attivo della comunità e di tutti i soggetti operanti sul territorio (istituzioni, associazioni, categorie economiche)
Il Piedibus di Villacidro, promosso dall’associazione Progetto Comune, è nato proprio dal desiderio di cambiamento e di coinvolgimento che voleva essere esteso all’intera comunità.
La risposta è stata di gran lunga superiore alle aspettative: gran parte dei genitori ha aderito all’iniziativa, offrendosi anche come accompagnatori giornalieri e il numero dei bambini iscritti è andato via via crescendo fino a superare i 100.
La sorpresa più grande è stata però il forte segnale di condivisione arrivato dai cittadini, il cui contributo ha permesso che la fase sperimentale del Piedibus fosse avviata. Tutti i materiali utilizzati oggi e in questa fase, sono stati generosamente offerti da falegnami, fotografo, genitori, esercenti e semplici cittadini che hanno permesso l’acquisto delle pettorine catarifrangenti e di tutti gli accessori da dare in dotazione ai bambini.

Aspettative
L’auspicio più grande è che questa iniziativa continui nel tempo e sia estesa a tutti i plessi del Circolo Didattico Dessì.
Nel contempo la speranza è che funzioni anche da punto di partenza di una serie di iniziative atte a migliorare la qualità della vita nel nostro meraviglioso paese e che il segnale forte lanciato dai cittadini, venga raccolto anche dalla nostra Amministrazione affinché intervenga al più presto nel ripristinare al meglio la viabilità e riconsegnare le strade ai bambini.

Grazie a tutti e buon Piedibus.

Progetto Comune

 

Cerca nel sito

Copyright © 2011-2018 - Progettocomune.info
Associazione Progetto Comune è rilasciato sotto Licenza Creative Commons: Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License
Questo sito non costituisce una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.