Associazione Progetto Comune

Associazione culturale politica

I semi del futuro

Scritto da Ass.ne Progetto Comune   
Venerdì 08 Maggio 2015 23:54

CiccarelliRiceviamo e diffondiamo questo comunicato del Centro Sperimentazione Autosviluppo.

Miglioramento genetico partecipativo ed evolutivo.

Come riprodurre e migliorare antiche varietà aumentando biodiversità ,autonomia, salute a cura di Salvatore Ceccarelli, genetista.

Nel mese di Ottobre 2014 abbiamo iniziato nel Sulcis_Iglesiente un percorso di miglioramento genetico partecipativo ed evolutivo di varietà di grano con la guida del genetista Salvatore Ceccarelli.


Il percorso partecipativo rimette chi coltiva la terra e la comunità locale al centro delle attività che portano allo sviluppo di nuove varietà e alla produzione del seme. Nel mese di Novembre un gruppo di persone, tra cui agricoltori, agronomi e cittadini comuni, hanno avviato la sperimentazione in tre località: Masainas, San Giovanni Suergiu e Calasetta. In ogni campo, di 40 parcelle ciascuno, sono state seminate 17 varietà di grano duro e tenero e miscugli di tutte le varietà utilizzate.

 


"Cinque dei problemi globali più frequentemente dibattuti oggi sono il declino della biodiversità in generale e della agro-biodiversità, in particolare, il cambiamento climatico, la fame e la malnutrizione, la povertà e l'acqua. I cinque problemi sono collegati tra loro, e come tali, essi dovrebbero essere trattati. Il seme è centrale a tutti e cinque i problemi. La maggior parte del nostro cibo proviene da semi (anche quando si mangia carne, indirettamente mangiamo piante, che vengono da semi) e il cibo influenza la nostra salute. Quindi, parlare di semi significa parlare della nostra salute. Il modo in cui si producono i semi è stata la causa e può essere la soluzione a tutti i cinque i problemi. L'evoluzione del miglioramento genetico, la scienza che è responsabile per il tipo e la diversità delle sementi che gli agricoltori seminano, e quindi della diversità del cibo che mangiamo, ci aiuta a capire come siamo passati da una agro-biodiversità ad una agro-biodiversità molto ridotta. Gli OGM possono solo essere una soluzione a breve termine ed instabile alla sicurezza alimentare perché cambiano l'ambiente circostante gli organismi che intendono controllare (insetti, funghi che determminano malattie e erbe infestanti), i quali, in virtú del Teorema Fondamentale della Selezione Naturale, evolvono resistenza. Un modello di agricoltura basato sulla agro-ecologia potrebbe essere la soluzione ai problemi più importanti che riguardano il pianeta, ma è spesso criticato per non essere in grado di produrre abbastanza cibo per una popolazione in crescita. Il miglioramento genetico partecipativo ed evolutivo delle  piante, mentre trae vantaggio dai progressi nella genetica molecolare, riesce a conciliare l’aumento della produzione di cibo, con la sua disponibilitá e accessibilitá, e con l’ aumento dell'agrobiodiversità. Il tutto, mantenendo il potenziale evolutivo delle nostre colture necessario per far fronte ai cambiamenti climatici. Essendo basato sulla selezione per adattamento specifico, il miglioramento genetico partecipativo ed evolutivo é in grado di produrre varietà specificamente adatte a un modello di agricoltura basato sulla agro-ecologia, come l’agricoltura organica." (testo di Salvatore Ceccarelli).


Dal 20 al 23 Maggio 2015 Salvatore Ceccarelli sarà con noi per una pre-selezione visiva in campo e la misurazione di una serie di caratteristiche (altezza della pianta, lunghezza della spiga, allettamento) I dati raccolti durante tutto il processo produttivo, elaborati statisticamente, permetteranno di decidere quali varietà scegliere. La sperimentazione ripetuta per 4 anni consentirà di far emergere le varietà adatte ai luoghi e ai cambiamenti climatici.
Il miglioramento genetico partecipativo è un passo importante verso la sovranità alimentare e lo sviluppo di colture alimentari sane e biodiverse.

PROGRAMMA :

Mercoledì 20 maggio ore 15,30 visita al campo di San Giovanni Suergiu. Appuntamento presso Agriturismo Agrifoglio – via Porto Botte –SS 195

Giovedì 21 maggio – Mattino ore 9,30 visita al campo di Masainas. (Appuntamento presso Centro di Aggregazione Sociale) Pranzo al sacco a su “portu de su trigu”. Pomeriggio ore 15,30 visita al campo di cereali seminati secondo il metodo Fukuoka presso l’azienda Aru di Iglesias

Venerdì 22 maggio ore 15,30 visita al campo di Calasetta presso Agriturismo Tupei. (Appuntamento al bivio per il porto)

Sabato 23 ore 10,00 Centro di Aggregazione Sociale Masainas Seminario conclusivo “I semi del futuro” a cura di Ceccarelli.

Organizza :
Centro Sperimentazione Autosviluppo in collaborazione col  Comune di Masainas ,Laore, Agris.
E’ necessario comunicare la propria partecipazione indicando la/le giornate prescelte entro il 15 maggio 2015.
Per ulteriori informazioni Teresa Piras tel.078142150 – cell. 3403552060

 

Cerca nel sito

Copyright © 2011-2018 - Progettocomune.info
Associazione Progetto Comune è rilasciato sotto Licenza Creative Commons: Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License
Questo sito non costituisce una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.