Sotto sequestro serra fotovoltaica più grande al mondo
Scritto da Marco Cazzaniga   
Giovedì 02 Luglio 2015 19:13

SerreI nodi a volte vengono al pettine e mettono in luce i veri interessi che stanno dietro questi progetti speculativi, come spesso abbiamo denunciato.

La forestale ha apposto i sigilli all'impianto di serre fotovoltaiche di Su Scioffu a Villasor, il più grande del mondo.

Ancora una volta la realtà dei fatti smentisce clamorosamente chi sostiene queste opere e altrettanto chi in buona fede si è lasciato ingannare dalla promessa di fantomatiche ricadute occupazionali sul territorio.
Si era vaneggiato di 300 posti di lavoro, qualcuno forse ci aveva creduto,  ma l'unica realtà sono i milioni di euro intascati dagli investitori.

Gli incentivi per le serre fotovoltaiche sono stati resi nel tempo assai appetibili, un po' meno remunerativi rispetto a quelli previsti per gli impianti sugli edifici ma più di quelli degli impianti a terra.


La normativa, che troverebbe la propria ratio legis (o un banale pretesto ?) nel tentativo di favorire l'agricoltura, prevedeva anche facilitazioni sull'Iva, analoghe ad altre concepite appositamente per agevolare le aziende agricole e una sostanziale semplificazione delle procedure per la realizzazione delle serre fotovoltaiche.
Tutto all'insegna di una generica prescrizione sul fatto che la "produzione agricola sottostante" debba avere carattere prevalente. Certo è che gli unici frutti di queste serre per ora sono solo i lauti incentivi.


Alla magistratura ora la palla, ai cittadini un altra conferma di quanto siano centrate le critiche nei confronti di questi progetti speculativi che noi assieme agli altri comitati andiamo sostenendo e cercando di divulgare da anni.